Mar

Menu di navigazione rapida

Altri link

Ricerca

Cambio lingua

Galleria foto

Logo Sezione

Allegati e links del Contenuto

Contenuto della pagina

Formazione

FORMA E LINEA COME CONFINE, LIMITE.FRONTIERA
“E’ in noi che i paesaggi hanno paesaggio.
Perciò se li immagino li creo; se li creo esistono; se esistono li vedo
Fernando Pessoa, Il libro dell’inquietudine

Il disegno è l’arte di condurre una linea a fare una passeggiata
Paul Klee, Teoria della forma e della figurazione

Frontiere, confini e limiti sono linee che tracciano e delimitano – tanto nel reale quanto nell’immaginario – spazi definiti entro i quali circoscrivere territori fisici o mentali.
Dalla frontiera al limite, attraverso il confine, l’idea della delimitazione si fa sempre più astratta, legata all’immaginario.
La frontiera è la linea geografica di passaggio fra due spazi differenti, linea che separa e definisce una distanza, una contrapposizione.
L’idea di confine supera quella di frontiera dal momento che i confini vengono tracciati per creare delle differenze: differenze tra un luogo e lo spazio circostante tra una categoria di individui e il resto dell’umanità.
Il confine delinea quindi uno schema dell’appartenenza più generico, astratto e legato alle convinzioni e alle scelte dell’uomo.
Il limite è la linea più estrema e contiene in sé l’idea e la prospettiva del suo superamento.
Le traiettorie e i segni che danno forma a una frontiera, a un confine o che tracciano un limite possono, dunque, essere reali o immaginarie, geografici o culturali e condizionano la rappresentazione del mondo e la vita umana.
L’obiettivo del laboratorio è quello di confrontarsi con la possibilità del superamento di queste forme di “ostacoli” e al tempo stesso provare a cambiare punto di vista ponendosi davanti o dietro la linea di confine, inventando nuove geografie e sperimentando le potenzialità della linea usata come strumento di definizione del conosciuto o di invenzione, di misurazione e di trasformazione.
Dalla sperimentazione grafica del segno come elemento di creazione di visioni alla nascita di geografie di mondi fantastici, esterni o interni a noi stessi, alla visualizzazione grafica di pensieri o di mappe mentali le possibilità offerte dal disegno sono infinite; strumenti utili per visualizzare concetti o metterli in discussione, per chiarire idee o lavorare sulle differenze e sui conflitti nello spazio ‘libero’ dell’intuizione e dell’immaginazione.

periodo: ottobre-novembre 2018

su prenotazione

Info:

Comune di Ravenna Istituzione Istruzione e Infanzia

U.O. Progetti e Qualificazione Pedagogica

Via d’Azeglio, 2 - Ravenna. 

tel. +39 0544 482889

mbartolini@comune.ra.it

Approfondisci »