Mar

Menu di navigazione rapida

Altri link

Ricerca

Cambio lingua

Nicolò Rondinelli

Allegati e links del Contenuto

Contenuto Mostra

23 Mag 2020 - 30 Agosto 2020

Nicolò Rondinelli "Martirio di San Bartolomeo"

Ente Organizzatore: Comune di Ravenna, MAR Museo d'Arte della città di Ravenna

Ingresso: libero

Orari:
martedì–sabato 9.00-18.00,
domenica 14.00-18.00,
lunedì chiuso
(Sarà consentito l’accesso a un numero di 20 persone ogni 20 minuti).

Giorni di Chiusura: Lunedì

Sede: MAR Museo d'Arte della città di Ravenna

 

 

Con la piccola tavola, rinvenuta sul mercato antiquario e ora entrata nelle collezioni del Museo, si conclude felicemente la ricomposizione della Pala di san Bartolomeo, realizzata da Nicolò Rondinelli per la cappella Buonamici in San Domenico.
La pala rappresentava la Madonna con il Bambino in trono fra i santi Nicola di Bari, Pietro, Bartolomeo, Agostino e tre angeli musicanti ed era sostenuta da una predella, a tre scomparti, con le scene salienti della vita di Bartolomeo: il miracolo, la persecuzione, il martirio.
Così la vide Giulio II nel 1511 e tale rimase almeno fino al 1796, quando cioè l’amministrazione napoleonica dispose la soppressione degli ordini religiosi e l’incameramento dei beni mobili e immobili.
Fu in quella circostanza che tavola e predella presero strade diverse. La tavola fu selezionata per il contingente di opere da inviare a Brera – il museo che doveva esportare in Repubblica Cisalpina il genio universale del Louvre – e il 29 luglio del 1811 partì per Milano dove tuttora si trova. Della predella, invece, si persero le tracce. Due scomparti, il Miracolo della lampada e la Flagellazione di san Bartolomeo, fecero la loro comparsa a Philadelphia, presso il Museum of Fine Arts. Del terzo, il Martirio di san Bartolomeo, si sapeva solo che fra le due guerre era a Monaco di Baviera da un antiquario. Ed è a Monaco che ricompare il 9 luglio del 2018 quando una casa d’aste, la Hampel Fine Art
Auctions, presenta il lotto 655 con assegnazione a “Pittore italiano del XVI secolo”.
L’acquisto, incoraggiato dalle consonanze stilistiche con l’opera di Nicolò Rondinelli, trova conforto negli studi che ora permettono di accertarne l’autografia. L’accostamento al doppio scomparto di Philadelphia, perfettamente solidale, restituisce piena continuità al pavimento che trapassa da un riquadro all’altro assestando il fuoco visivo, altrimenti decentrato, sulla scena mediana della flagellazione.
Con la Pala di san Bartolomeo il pittore ravennate aggiorna il magistero di Giovanni Bellini, presso cui aveva svolto l’alunnato, con la cultura forlivese e con i modelli ferraresi di Lorenzo Costa.
I ritmi equilibrati dell’organizzazione gerarchico-piramidale si armonizzano con un’ampiezza spaziale che richiama l’Annunciazione del Carmine di Palmezzano. E proprio nella puntualità prospettica si può cogliere il richiamo al rigore matematico
maturato, nel crogiuolo forlivese, dall’incontro di Melozzo con Luca Pacioli. La mitezza composta dei volti, in antinomia con l’efferatezza della sentenza, riflette invece quella soavità, tutta belliniana, che in Rondinelli diventa attitudine sentimentale.

Nicolò Rondinelli
documentato a Venezia, Forlì, Ravenna
tra il 1495 e il 1502
Martirio di san Bartolomeo
olio su tavola
cm 32 x 28
Ravenna, MAR-Museo d’Arte della città di Ravenna

 

 

Approfondisci »